Notizie ed assistenza specializzata ad Associazioni Culturali e Sportive

Istruttori sportivi: guida fiscale e previdenziale per aprire la partita iva

Guida operativa

Istruttori sportivi: guida fiscale e previdenziale per aprire la partita iva

Istruttori sportivi: guida fiscale e previdenziale per aprire la partita iva

 

Gli istruttori sportivi titolari di partita Iva sono tenuti ad iscriversi alla Gestione Separata INPS e possono scegliere tra tre regimi fiscali tra il vecchio articolo 13 della Legge 388 del 2000,  quello ordinario ed il regime dei minimi, vi forniamo assistenza per comprendere quale scegliere.

 

Aspetti Previdenziali

La Gestione Separata, presenta una grande convenienza: si paga a percentuale sul reddito dichiarato e non prevede il versamento dei contributi fissi.

A titolo esemplificativo ma non esaustivo, ricordiamo che un commerciante o un artigiano versano circa 880 euro ogni tre mesi, 3600 annui: anche se hanno una perdita devono versare il minimale.

Con la Gestione Separata INPS, se il reddito è zero, i contributi non devono essere versati: si versano in percentuale al reddito (circa il 30%) e non prevedono un minimale.

 

Aspetti Fiscali

La quasi totalità dei consulenti consiglia di aprire partita iva in regime dei minimi: è un errore nella quasi totalità dei casi, un agguato finanziario.

Il governo Monti ha riformato il regime dei minimi, con decorrenza “reddituale” dal 1° gennaio 2012: penalizzandolo. Hanno creato lo specchietto per le allodole, riducendo l’aliquota di imposta sostitutiva dell’Irpef dal 20% al 5%.

Di fatto, prima in Unico i contribuenti minimi versavano solo il saldo, pertanto,  il 20% di cui sopra era effettivo. Dal giugno del 2013 (Unico PF 2013 Redditi 2012) i contribuenti minimi hanno versato il saldo e l’acconto, tradotto il 5% + il 5%, uguale il 10% di uscite finanziarie effettive.

 

Per capire perché parliamo di “specchietto per allodole” non basta però, andiamo avanti:  il governo Monti ha abrogato il diritto per i contribuenti minimi di appore la ritenuta di imposta in fattura, in capo ai clienti titolari di partita iva. Il professionista sveglio, contrattava sul netto, accollava la ritenuta al cliente soggetto passivo IVA,  portandosi in deduzione i costi inerenti alla propria attività, arrivava in dichiarazione dei redditi con un credito di imposta con cui compensava il debito contributivo da versare alla Gestione Separata dell’INPS, di fatto, il contribuente minimo prima del Governo Monti, a giugno (se era oculato e ben assistito) non tirava fuori un centesimo di euro, compensava. Oggi, versa il dieci per cento di imposta (5% di acconto e 5% di saldo) oltre ai contributi (circa il 30%  del reddito imponibile). A titolo esemplificativo ma non esaustivo: basta pensare che un istruttore con un reddito (inteso come ricavi al netto dei costi) di 18.000, ha uscite finanziarie per euro 1.800 a titolo di imposta sostitutiva (5% + 5%) oltre a 5.400 euro di contributi, in totale 7.200 euro da versare in dichiarazione dei redditi.

 


Se volete essere assistiti con professionalità e scegliere il regime fiscale che vi consente di risparmiare  contattateci.

CLICCA QUI

 

Vi dimostriamo, numeri alla mano e prima di aprire la partita iva, con fogli excel, calcolando  in tempo reale la convenienza tra i vari regimi fiscali, quello per voi meno oneroso e maggiormente conveniente.

 

Nel 95% dei casi da noi esaminati il regime dei minimi, dopo la riforma Monti è un bagno di sangue finanziario: non buttate i vostri soldi.

 

Potete scegliere due pacchetti di assistenza:

 

a)     Finalizzato alla Scelta del regime

 

b)    Finalizzato alla scelta del regime e  ad avere assistenza contabile e tributaria annuale

 

c)     a + b

 

 

Questa consulenza è rivolta a: istruttori presso impianti e circoli sportivi di qualsiasi genere, palestre, sale fitness, stadi, sferisteri, campi sportivi, autodromi, sale di ballo, salza, zumba, power pump, acqua gym, spinning, cardio,  basket, pallavolo, calcio a 11, calcio a 5, pallanuoto, scherma, ippica, ciclismo, penthatlon, rugby, arti marziali, corsi di survival, cinofili, corsi di addestramento, free climbing, etc..

 

Per coloro che avessero già aperto la partita IVA in regime dei minimi, correte il rischio di aver perso già troppo tempo e denaro: Contattateci.

Stampa
 

Dott. Alessio FerrettiDott. Alessio Ferretti

Altri articoli di Dott. Alessio Ferretti

Contatta autore

Contatta autore

x

Scegli tra i nostri servizi di assistenza e tutela per Associazioni Culturali e Sportive

Studio Commercialista e Tributario specializzato in Associazioni culturali (APS), Sportive (ASD - SSD) ed Organismi Di Volontariato (ODV) con e senza adesione al regime Onlus

In tutta Italia, assistiamo e tuteliamo le iniziative dirette alla creazione di associazioni con finalità apolitiche esenza scopo di lucro, la dedizione nel lavoro ci porta ad avere una profonda conoscenza della normativa fiscale e civile italiana in materia di enti non profit (associazioni di promozione sociale -aps, società sportivo dilettantistiche - ssd, ed associazioni sportivo dilettantistiche -asd). 

Forniamo ai nostri clienti pacchetti con la formula all inclusive, con canone mensile fisso e trasparente, che comprendono assistenza diretta alla: 


   scelta della forma giuridica appropriata alla visione ed al tipo di attività;


   redazione in modo corretto dell’atto costitutivo e dello statuto;


   installazione impianto contabile in cloud;


   governo dei flussi reddituali e finanziari in tempo reale;


   rispetto degli adempimenti giuridici e fiscali;


   adesione legge 398/91 in materia di svolgimento di attività commerciali;


   elaborazione rendiconti e bilanci periodici ed annuali;


   elaborazione cedolini mensili, istruttori, manutentori, amministrativo gestionali ed addetti alla pulizia;


         elaborazione atti amministrativi e delibere (convocazioni, verbali, delibere, etc..).









Commercialista esperto associazioni

Controlli fiscali a palestre e centri sportivi ASD e SSD: quali cautele osservare e quali documenti tenere pronti per l’esibizione?

Guida operativa giuridico/fiscale per palestre e centri sportivi 2017

Controlli fiscali a palestre e centri sportivi ASD e SSD:  quali cautele osservare e quali documenti tenere pronti per l’esibizione?

Quando una palestra è oggetto di un’ispezione fiscale, cosa è importante sapere riguardo al personale competente ad effettuarla e ai documenti da esibire e quali errori bisogna evitare di commettere per mettersi a riparo da pesanti sanzioni? Le risposte pratiche per consentire al rappresentante legale di gestire al meglio questa incombenza.

Donazioni ad ASD-ONLUS: guida fiscale 2017 alla deduzione/detrazione per imprese e privati

Guida fiscale deducibilità/detraibilità erogazioni liberali ASD-ONLUS 2017 per imprese e privati

Donazioni ad ASD-ONLUS: guida fiscale 2017 alla deduzione/detrazione per imprese e privati

Un’impresa simpatizzante ha finanziato una ASD-ONLUS per persone diversamente abili, corrispondendo alla stessa un’erogazione liberale in denaro senza ricevere alcun corrispettivo. Come potrà dedurre tali costi per non farli pesare sul Bilancio? Quali sono le agevolazioni fiscali previste nel 2017?

Spesometro semplificato 2017 per palestre ASD, SSD ed altri enti in regime 398/1991: scadenze e fatture da inviare

Guida allo spesometro semplificato 2017 per ASD/SSD in regime agevolato 398/1991 ed enti assimilati

Spesometro semplificato 2017 per palestre ASD, SSD ed altri enti in regime 398/1991: scadenze e fatture da inviare

Con questa guida pratica chiariamo in sintesi come cambia lo spesometro dal 2017 per palestre ASD/SSD in regime ex lege 398/1991 e per egli enti assimilati, individuando esattamente quali fatture sono soggette all’obbligo dell’invio, per non incorrere in errori che esporrebbero a rischiosi ed onerosi accertamenti da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Associazioni culturali e sportive APS ASD SSD ed ODV: attivo il nuovo servizio di ricostruzione ultimi sei anni dell’impianto contabile, amministrativo e fiscale

Come tutelare chi ha la rappresentanza legale di una non profit

Associazioni culturali e sportive APS ASD SSD ed ODV: attivo il nuovo servizio di ricostruzione ultimi sei anni dell’impianto contabile, amministrativo e fiscale

Uno dei problemi principali nelle associazioni culturali e sportive risiede nella documentazione spesso incompleta o inadatta a fronte di accessi, verifiche ed ispezioni dell’Agenzia delle Entrate, della Guardia di Finanza e dell’Inps, che facilmente possono generare processi verbali ed avvisi di accertamento molto invasivi, ai fini delle imposte dirette, con il coinvolgimento in molti casi della persone e del patrimonio del Presidente e/o del legale rappresentante.

Deducibilità spese di sponsorizzazione sportiva di ASD/SSD: quando l’Agenzia delle Entrate non può emettere avvisi di accertamento nei confronti dell'azienda sponsor? La risposta della Cassazione

Guida fiscale alla deducibilità di spese di pubblicità presso ASD/SSD per aziende e professionisti

Deducibilità spese di sponsorizzazione sportiva di ASD/SSD: quando l’Agenzia delle Entrate non può emettere avvisi di accertamento nei confronti dell'azienda sponsor? La risposta della Cassazione

Se un’azienda per pubblicizzare il proprio marchio sulla maglietta e tabelloni sul campo da calcio di un’ASD o di una SSD, ha corrisposto alla stessa spese di sponsorizzazione pari ad € 180.000 portandole integralmente in deduzione, l’Agenzia delle Entrate potrà emettere un avviso di accertamento opponendosi alla deduzione?

 

RSS
1345678910Last
Termini Di UtilizzoPrivacyNetwork Fiscale S.r.l.a socio 2012 - 2019 p.i. & c.f. 12059071006
Back To Top
ankara escort pendik escort
umraniye escort
antalya bayan escort
huluhub.com
asyabahis pinbahis deneme bonusu deneme bonusu veren siteler bonus veren siteler bedava bahis casino siteleri bahis siteleri hermesbet bedava bahis