Notizie ed assistenza specializzata ad Associazioni Culturali e Sportive

Prestiti e finanziamenti concessi dalla società (srl, spa) a soci e/o amministratori

Come ottenere liquidità risparmiando imposte e contributi

Prestiti e finanziamenti concessi dalla società (srl, spa) a soci e/o amministratori

Prestiti, mutui e finanziamenti ad amministratori e/o soci da parte delle Società di Capitali (SRL - SPA)*

Prestiti, mutui e finanziamenti concessi ad amministratori, direttori generali, soci, sindaci e liquidatori: l'art. 2624 c.c. stabiliva che gli amministratori, i direttori generali, i sindaci ed i liquidatori che contraevano prestiti sotto qualsiasi forma, sia direttamente sia per interposta persona, con la società che amministravano o con una società controllante o controllata, erano puniti con la reclusione, e ciò anche se il prestito fosse stato retribuito e restituito. L’art. 2624 è stato abrogato con D.Lgs. 61/2002, decorrenza 14.4.2002, ma permangono le responsabilità in caso di condotta fraudolenta a danno del patrimonio sociale. Ai fini fiscali vale quanto detto per i prestiti ai soci. 

Il fatto che la fattispecie non sia più penalmente perseguibile direttamente non esclude una possibile contestazione dei reati oggetto della legge fallimentare (bancarotta, bancarotta fraudolenta, etc..) qualora un domani la società dovesse fallire; nè esclude che gli amministratori possano essere assoggettati ad azione di responsabilità, qualora:

·       non siano nelle condizioni di restituire prestiti ricevuti;

·       espongano la società a danni qualora questa debba rispondere per le garanzie prestate in favore degli amministratori;

·       mettano comunque la società e/o creditori o terzi in difficoltà a causa della carenza di liquidità derivante dai prestiti fatti a loro.

Con l’abrogazione della norma sanzionatoria è stata eliminata la causa ostativa alla concessione dei prestiti ad amministratori  e/o soci. Questi ultimi, (coloro che possono sollevare azione sociale di responsabilità nei confronti dell’amministratore), possono deliberare il prestito e non vi è alcuna norma che possa perseguire tale attività ritenuta non più illecita. Fermo restando il versamento dell’imposta di registro,  i requisiti statutari, e l’eventuale onerosità del finanziamento in oggetto.

Eventuali danni per responsabilità, peraltro non ravvisabili nel caso di autorizzazione al prestito da parte dell’assemblea dei soci, potrebbero essere contestati solo dai soci stessi. E' consentito tutto ciò che non è vietato, se la legge non persegue più come reato penalmente perseguibile la concessione di prestiti a soci o amministratori, nulla quaestio. Se i soci decidono di deliberare un prestito, nel rispetto statutario, possono farlo. Purché sussistano condizioni che esulano dalla distrazione di fondi per società in stato di dissesto, con contenzioso tributario in essere, o di natura elusiva. Se così non fosse i soci sarebbero comunque responsabili in solido con l’amministratore nei confronti dei terzi.

In conclusione i prestiti, finanziamenti, mutui concessi agli amministratori sono consentiti, rispettando una serie di adempimenti e contrattualistica collaudati,  diventano illegittimi se ne viene fatto un uso distorto, ma questo vale per qualunque comportamento legittimo. 

*attenzione: l'operazione è consentita ma deve essere attuata con un iter delineato onde evitare di cadere in fattispecie elusive e subire atti di accertamento e/o rettifica ai fini delle imposte dirette e/o indirette.

 

 abbiamo già assistito in tutta Italia, srl e spa nella

 erogazione di operazioni di mutuo al socio amministratore

Chiamaci per assistere te e/o il tuo consulente

NUMERO VERDE 800.19.27.52

 

Stampa
 

Dott. Alessio FerrettiDott. Alessio Ferretti

Altri articoli di Dott. Alessio Ferretti

Contatta autore

Contatta autore

x

Scegli tra i nostri servizi di assistenza e tutela per Associazioni Culturali e Sportive

Studio Commercialista e Tributario specializzato in Associazioni culturali (APS), Sportive (ASD - SSD) ed Organismi Di Volontariato (ODV) con e senza adesione al regime Onlus

In tutta Italia, assistiamo e tuteliamo le iniziative dirette alla creazione di associazioni con finalità apolitiche esenza scopo di lucro, la dedizione nel lavoro ci porta ad avere una profonda conoscenza della normativa fiscale e civile italiana in materia di enti non profit (associazioni di promozione sociale -aps, società sportivo dilettantistiche - ssd, ed associazioni sportivo dilettantistiche -asd). 

Forniamo ai nostri clienti pacchetti con la formula all inclusive, con canone mensile fisso e trasparente, che comprendono assistenza diretta alla: 


   scelta della forma giuridica appropriata alla visione ed al tipo di attività;


   redazione in modo corretto dell’atto costitutivo e dello statuto;


   installazione impianto contabile in cloud;


   governo dei flussi reddituali e finanziari in tempo reale;


   rispetto degli adempimenti giuridici e fiscali;


   adesione legge 398/91 in materia di svolgimento di attività commerciali;


   elaborazione rendiconti e bilanci periodici ed annuali;


   elaborazione cedolini mensili, istruttori, manutentori, amministrativo gestionali ed addetti alla pulizia;


         elaborazione atti amministrativi e delibere (convocazioni, verbali, delibere, etc..).









Commercialista esperto associazioni

LINEE GUIDA PER LA RIPRESA DE L’ATTIVITA’ SPORTIVA DI BASE E L’ATTIVITA’ MOTORIA IN GENERE

Analisi delle linee guida stabilite dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, ufficio per lo sport, per la ripresa dell’attività sportiva di base e l’attività motoria in generale ai sensi del DPCM del 17.05.2020 art. 1 lettera f)

LINEE GUIDA PER LA RIPRESA DE L’ATTIVITA’ SPORTIVA DI BASE E L’ATTIVITA’ MOTORIA IN GENERE

La presidenza del consiglio dei ministri, ufficio per lo sport, ha stabilito alcune indicazioni generali e le azioni di cambiamento necessarie per accompagnare la ripresa dello sport dopo il lockdown causato dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 alle quali dovranno attenersi tutti i soggetti che gestiscono, a qualsiasi titolo, siti sportivi o che comunque ne abbiano la responsabilità.

Covid-19: Art 96 DL Cura Italia come richiedere l'indennità per collaboratori e istruttori sportivi

chiarimenti su chi può richiedere e non fare confusione con le indennità da articolo 27

Covid-19: Art 96 DL Cura Italia  come richiedere l'indennità per collaboratori e istruttori sportivi

Video pubblicato per chiarire la confusione tra le indennità (600euro) per lavoratori e co.co.co iscritti alla gestione separata, disciplinati dall'articolo 27 del decreto e le indennità spettanti agli istruttori ed ai collaboratori sportivi disciplinati dall'articolo 96 del D.L. 18/2020 ed erogati da Sport e Salute Spa, in attesa del comunicato/decreto attuativo con il relativo modello di richiesta da compilare ed inviare 

MODELLO EAS: PROROGA AL 30 GIUGNO 2020

Adempimento per gli enti associativi non profit

MODELLO EAS: PROROGA AL 30 GIUGNO 2020

Al fine di fronteggiare la crisi epidemiologica da Covid-19, il Governo, con il Decreto “Cura Italia”, ai sensi dell’articolo 62, emana la sospensione degli adempimenti tributari:

DECRETO CURA ITALIA: INDENNITA’ COLLABORATORI SPORTIVI

Il Decreto Legge 17 marzo 2020, n.18 con l'articolo 96 disciplina le indennità per i collaboratori sportivi

DECRETO CURA ITALIA: INDENNITA’ COLLABORATORI SPORTIVI

L’articolo 96 del Decreto Legge 17 marzo 2020, n.18, disciplina l’argomento dell’indennità a favore dei collaboratori sportivi pari a 600 euro per i rapporti di collaborazione già in essere alla data del 23 febbraio 2020 "presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche".

Assistenza diretta a fronteggiare la crisi di liquidità legata al Coronavirus – covid-19

Come aiutare le imprese a fronteggiare e superare la crisi

Assistenza diretta a fronteggiare la crisi di liquidità legata al Coronavirus – covid-19

L’emergenza Coronavirus – Covid-19, deve essere fronteggiata in modo tempestivo dalle aziende, deve essere determinato in Via immediata il fabbisogno finanziario di breve periodo (da 1 a 5 mesi) e di medio (fine sei mesi – fine anno), il calcolo del fabbisogno finanziario indica quanti soldi occorrono per tenere l’azienda in piedi, quanti assorbimenti di liquidità subisce l’azienda. Il servizio è diretto a valutare l’impatto della crisi e drenare liquidità pro norma, attraverso richieste lecite al sistema bancario (es. sospensione dei pagamenti per un anno delle quote capitali), il ricorso agli ammortizzatori sociali (in modo diretto o indiretto), agevolazioni fiscali e/o rinvio dei pagamenti pro norma

RSS
1345678910Last
Termini Di UtilizzoPrivacyNetwork Fiscale S.r.l.a socio 2012 - 2020 p.i. & c.f. 12059071006
Back To Top