Notizie ed assistenza specializzata ad Associazioni Culturali e Sportive

RIVALUTAZIONE IMMOBILI IMPRESE: LE RATE VERSATE IN MODO ERRATO NON SONO SOGGETTE A SANZIONE

Sintesi della risoluzione della Agenzia delle Entrate 70/E del 23.10.2013

RIVALUTAZIONE IMMOBILI IMPRESE: LE RATE VERSATE IN MODO ERRATO NON SONO SOGGETTE A SANZIONE

Rivalutazione immobili imprese: le rate versate in modo errato non sono soggette a sanzione

In base alla risoluzione della Agenzia delle Entrate 70/E del 23.10.2013 le società e gli enti che hanno optato per la rivalutazione degli  immobili versando l’imposta sostitutiva in modo errato causa dubbia interpretazione della norma istitutiva, sono esenti da sanzioni. La risoluzione n. 70/E del 23 ottobre, riconosce  la difficoltà interpretativa della disposizione che  ruotano intorno al calcolo degli interessi dovuti in caso di scelta per il versamento rateizzato delle somme e al numero di rate. L’articolo 15 del Decreto Anticrisi, commi da 16 a 23 Dl 185/2008 ha concesso alle società, di persone e di capitali, ed a tutti i soggetti indicati nell’articolo 73, comma 1, lettere a) e b), del Tuir, nonché alle società in nome collettivo, in accomandita semplice ed equiparate, che non adottano i principi contabili internazionali, la possibilità di rivalutare i beni immobili risultanti dal bilancio in corso al 31 dicembre 2007, a esclusione delle aree fabbricabili e degli immobili alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività di impresa, pagando un’imposta sostitutiva dell’Irpef, dell’Ires, dell’Irap e di eventuali addizionali.

Chi si è avvalso di questa chance ha anche potuto optare per il versamento dilazionato in un massimo di tre rate e, a tal proposito, la norma indicava, come scadenza della prima, il termine di pagamento del saldo delle imposte sui redditi dovute per il periodo di imposta con riferimento al quale la rivalutazione è eseguita, per le altre due (su cui calcolare gli interessi legali in misura pari al 3% annuo), il termine previsto per il saldo delle imposte sui redditi relative ai periodi d’imposta successivi.

 
Ebbene, il documento di prassi fa notare che parlare di interessi legali al 3% annuo può effettivamente generare confusione, considerato che la misura del saggio degli interessi legali, per sua natura, è variabile e “mal si concilia con l’indicazione di uno specifico tasso di interesse. Pertanto, ove il legislatore avesse voluto far riferimento al saggio degli interessi legali, non ne avrebbe indicato l’esatta misura”. Il dilemma nasce, quindi, dall’uso pleonastico del termine “legali”. Ribadito, dunque, che gli interessi andavano applicati nella misura del 3% annuo, tuttavia, nel rispetto del principio di tutela dell’affidamento e della buona fede del contribuente (articolo 10 della legge 212/2000 - Statuto dei diritti del contribuente), i contribuenti, che hanno frainteso la lettera della disposizione e applicato alle rate successive alla prima interessi minori, saranno esenti da sanzioni. Per analogia interpretativa non saranno punite le imprese che non hanno inteso la tassatività del numero delle tre rate, pensando di potersi comunque avvalere anche dell’ulteriore modalità di versamento dilazionato prevista dall’articolo 20 del Dlgs 241/1997.

 

 

PER RICHIEDERE UN PARERE O UNA ASSISTENZA TRIBUTARIA E LEGALE

 

CLICCA QUI

O CHIAMATE IL NUMERO VERDE 800.19.27.52

 

Stampa
 

Dott. Alessio FerrettiDott. Alessio Ferretti

Altri articoli di Dott. Alessio Ferretti

Contatta autore

Contatta autore

x

Scegli tra i nostri servizi di assistenza e tutela per Associazioni Culturali e Sportive

Studio Commercialista e Tributario specializzato in Associazioni culturali (APS), Sportive (ASD - SSD) ed Organismi Di Volontariato (ODV) con e senza adesione al regime Onlus

In tutta Italia, assistiamo e tuteliamo le iniziative dirette alla creazione di associazioni con finalità apolitiche esenza scopo di lucro, la dedizione nel lavoro ci porta ad avere una profonda conoscenza della normativa fiscale e civile italiana in materia di enti non profit (associazioni di promozione sociale -aps, società sportivo dilettantistiche - ssd, ed associazioni sportivo dilettantistiche -asd). 

Forniamo ai nostri clienti pacchetti con la formula all inclusive, con canone mensile fisso e trasparente, che comprendono assistenza diretta alla: 


   scelta della forma giuridica appropriata alla visione ed al tipo di attività;


   redazione in modo corretto dell’atto costitutivo e dello statuto;


   installazione impianto contabile in cloud;


   governo dei flussi reddituali e finanziari in tempo reale;


   rispetto degli adempimenti giuridici e fiscali;


   adesione legge 398/91 in materia di svolgimento di attività commerciali;


   elaborazione rendiconti e bilanci periodici ed annuali;


   elaborazione cedolini mensili, istruttori, manutentori, amministrativo gestionali ed addetti alla pulizia;


         elaborazione atti amministrativi e delibere (convocazioni, verbali, delibere, etc..).









Commercialista esperto associazioni

La riforma dello sport: nasce la figura del lavoratore sportivo

Il consiglio dei ministri a data 26 febbraio 2021 ha finalmente approvato i cinque decreti legislativi della legge delega numero 86 dell’8 agosto 2019 apportando grandi cambiamenti nell’ordinamento sportivo.

La riforma dello sport: nasce la figura del lavoratore sportivo

Una delle novità più importanti è sicuramente l’introduzione della figura del lavoratore sportivo che comporta un aumento delle tutele previste per gli atleti dilettanti,  senza più distinzioni in base all’attività sportiva svolta in forma professionistica o dilettantistica; le associazioni sportive dilettantistiche grazie alla ridefinizione del concetto di scopo di lucro, potranno distribuire dividendi ed acquisire qualsiasi tipologia di forma societaria tra quelle previste nel titolo V del codice civile. Inoltre vengono ridefinite le norme che regolano l’attività dei procuratori sportivi, degli impianti e degli stadi, vengono stabilite nuove disposizioni per la sicurezza delle discipline sportive invernali e vengono aumentate le tutele degli atleti disabili, con l’introduzione delle sezioni paraolimpiche nei corpi civili e militari dello stato.

LINEE GUIDA PER LA RIPRESA DE L’ATTIVITA’ SPORTIVA DI BASE E L’ATTIVITA’ MOTORIA IN GENERE

Analisi delle linee guida stabilite dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, ufficio per lo sport, per la ripresa dell’attività sportiva di base e l’attività motoria in generale ai sensi del DPCM del 17.05.2020 art. 1 lettera f)

LINEE GUIDA PER LA RIPRESA DE L’ATTIVITA’ SPORTIVA DI BASE E L’ATTIVITA’ MOTORIA IN GENERE

La presidenza del consiglio dei ministri, ufficio per lo sport, ha stabilito alcune indicazioni generali e le azioni di cambiamento necessarie per accompagnare la ripresa dello sport dopo il lockdown causato dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 alle quali dovranno attenersi tutti i soggetti che gestiscono, a qualsiasi titolo, siti sportivi o che comunque ne abbiano la responsabilità.

Covid-19: Art 96 DL Cura Italia come richiedere l'indennità per collaboratori e istruttori sportivi

chiarimenti su chi può richiedere e non fare confusione con le indennità da articolo 27

Covid-19: Art 96 DL Cura Italia  come richiedere l'indennità per collaboratori e istruttori sportivi

Video pubblicato per chiarire la confusione tra le indennità (600euro) per lavoratori e co.co.co iscritti alla gestione separata, disciplinati dall'articolo 27 del decreto e le indennità spettanti agli istruttori ed ai collaboratori sportivi disciplinati dall'articolo 96 del D.L. 18/2020 ed erogati da Sport e Salute Spa, in attesa del comunicato/decreto attuativo con il relativo modello di richiesta da compilare ed inviare 

MODELLO EAS: PROROGA AL 30 GIUGNO 2020

Adempimento per gli enti associativi non profit

MODELLO EAS: PROROGA AL 30 GIUGNO 2020

Al fine di fronteggiare la crisi epidemiologica da Covid-19, il Governo, con il Decreto “Cura Italia”, ai sensi dell’articolo 62, emana la sospensione degli adempimenti tributari:

DECRETO CURA ITALIA: INDENNITA’ COLLABORATORI SPORTIVI

Il Decreto Legge 17 marzo 2020, n.18 con l'articolo 96 disciplina le indennità per i collaboratori sportivi

DECRETO CURA ITALIA: INDENNITA’ COLLABORATORI SPORTIVI

L’articolo 96 del Decreto Legge 17 marzo 2020, n.18, disciplina l’argomento dell’indennità a favore dei collaboratori sportivi pari a 600 euro per i rapporti di collaborazione già in essere alla data del 23 febbraio 2020 "presso federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche".

RSS
1345678910Last
Termini Di UtilizzoPrivacyNetwork Fiscale S.r.l.a socio 2012 - 2022 p.i. & c.f. 12059071006
Back To Top